La riunione Fed di settembre e la conferenza stampa di Jerome Powell sono state le protagoniste indiscusse di oggi.
Qualche giorno fa è toccato alla BCE fare il punto sullo stato di salute dell’Eurozona, sull’inflazione del blocco, sul cambio euro dollaro e su molti altri aspetti fondamentali.
Poi invece la palla è passata all’istituto di Jerome Powell, la cui conferenza stampa è stata attesa con grande interesse dall’intero mercato. La riunione Fed di oggi, infatti, è stata l’ultima prima delle elezioni USA 2020. Nelle righe successive Money.it seguirà l’evento tramite aggiornamenti tradotti in tempo reale.
Riunione Fed settembre 2020, cosa ha deciso il FOMC e cosa ha detto Powell
Ha usato toni relativamente ottimistici Jay Powell nell’ultima conferenza stampa prima delle presidenziali USA di novembre. Il presidente Fed, intervenuto davanti alla stampa dopo la riunione del FOMC, ha detto che cominciano a vedersi i segnali di ripresa, e che l’economia è migliorata più rapidamente del previsto negli ultimi due mesi. L’attività economica, però, rimane ben al di sotto dei livelli pre-pandemici.
La Fed prevede che nel 2020 l’economia USA si contrarrà del 3,7%, con un tasso di disoccupazione al 7,6% e un’inflazione all’1,2%. Ribassata la previsione per il rimbalzo del 2021, a giugno stimato fra il 4,5 e il 6,0%, adesso contenuta fra il 3,6 e il 4,7%.
Il costo del denaro sarà mantenuto agli attuali livelli, fra lo 0 e lo 0,25%, per i prossimi tre anni, almeno fino al 2023.
Aggiornamenti live sulla conferenza stampa di Powell21:36- Fine della conferenza stampa di PowellDopo un Q&A di quasi 50 minuti, Powell ringrazia i giornalisti e chiude la diretta.
21:28- Attuale disoccupazione potrebbe essere più altaIl tasso di disoccupazione potrebbe essere più alta del 3% di quanto riportato: potrebbe esserci stato un errore nella valutazione di alcune persone come fuori dalla forza lavoro.
21:19- La Fed non ha finito le cartuccePowell ha chiarito che la Fed «non ha finito le cartucce». Semplicemente la commissione ritiene che i tassi attuali siano adeguati a «fornire un potente aiuto all’economia».
21:10- Il FOMC si aspetta ulteriore stimoloAnalisti e membri del FOMC si aspettano l’arrivo di ulteriori stimoli all’economia.
21:08- L’economia si è ripresa più velocemente del previstoNegli ultimi 60 giorni, ha detto Powell, l’economia si è ripresa più velocemente del previsto, ma non si sa se quanto continuerà il trend.
21:07- Che succede se non arriva il vaccino?«Stiamo imparando a convivere con la malattia», ha detto Powell rispondendo alla domanda di una giornalista. Ma ci sono alcune aree dell’economia che continueranno a soffrire senza vaccino. Per questo è importante accelerare i test per individuare i focolai. «Possiamo fare solo le cose che possiamo controllare per riattivare l’economia, come mantenere la distanza», ha detto Powell.
21:05- C’è bisogno di distribuzione delle risorseSecondo Jerome Powell, una vera ripresa ci potrà essere solo grazie a una distribuzione del benessere, permettendo a tutti i cittadini di far parte in maniera attiva della forza lavoro. «Ma queste sono materie che spettano ai rappresentanti eletti».
21:02- Niente più sorpreseL’ultimo aggiornamento della guidance da parte della Fed, secondo il presidente, è stato «potente» e «forte», perciò non ci sono ulteriori cambiamenti all’orizzonte. A meno che non ci siano importanti e inaspettati sviluppi sul fronte pandemico.
20:57- Tassi cambieranno con inflazione sopra 2%La fed manterrà i tassi bassi finché l’inflazione non rimarrà stabilmente oltre il 2% «per un po’ di tempo». «Pensiamo di mantenere questa posizione accomodante di politica monetaria finché questi risultati, inclusa la piena occupazione, sono raggiunti», ha detto Powell.
20:55- Serve maggiore supporto fiscaleA fronte dell’immobilismo del Congresso USA, Powell ha detto che l’economia avrà bisogno di maggiore supporto fiscale.
20:50- Livelli di QE sono appropriatiPer il presidente Fed gli attuali livelli del QE sono appropriati alla situazione. A questa affermazione c’è stata una lieve salita dell’USD.
20:46- Tassi molto bassi ancora per molto tempoPowell ha ribadito con forza che i tassi rimarranno «molto bassi» finché gli Stati Uniti non saranno avanti nella strada della ripresa.
20:44- Powell risponde alle domandeConclusa l’opening statement, Powell comincia a rispondere alle domande dei giornalisti.
20:42- Ritorno alla normalità quando le persone si sentiranno al sicuroPer Powell, il ritorno alla normalità si potrà verificare solo quando i cittadini statunitensi si sentiranno al sicuro dall’epidemia, tutt’ora a livelli allarmanti negli USA.
20:40- Tassi d’interesse stabili fino a quando?Powell ha spiegato che gli attuali tassi d’interesse saranno mantenuti finché l’occupazione e l’inflazione torneranno alla normalità.
20:39- Essenziale preservare flussiUna delle priorità della Fed è quella di «preservare i flussi di credito».
Circa la metà dei licenziamenti sono stati recuperati, ha detto Powell. Come ribadito più volte, la pandemia ha colpito soprattutto coloro che hanno redditi bassi.
Il presidente Fed è decisamente più ottimista, rispetto all’ultima conferenza stampa Fed, nonostante “l’attività economica rimanga molto al di sotto dei livelli pre-pandemia. Segni di miglioramento sono stati registrati negli investimenti aziendali. Servizi ancora deboli.
Si comincia: il presidente Fed Jerome Powell ha cominciato a parlare alla stampa.
— -La seguente parte dell’articolo è stata scritta prima della conferenza stampa di Powell
Riunione Fed e conferenza stampa settembre: cosa aspettarsi oggi
Qualche settimana fa, in occasione dell’annuale simposio di Jackson Hole, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha sorpreso tutti introducendo un average inflation targeting (AIT) puntando dunque ad ottenere “un’inflazione pari in media al 2% nel tempo”.

“In seguito a periodi in cui l’inflazione è stata persistentemente al di sotto del 2%, una politica monetaria appropriata punterà verosimilmente a ottenere un’inflazione moderatamente superiore al 2%”.

La riunione Fed di settembre e la conferenza stampa conclusiva saranno la prima occasione utile per scovare nuovi indizi su questo cambio di strategia definito dallo stesso Powell flessibile.
Tra gli elementi da monitorare oggi (a conclusione del vertice di due giorni) ci saranno senza dubbio le nuove proiezioni economiche del FOMC e il Dot Plot.
Per non parlare poi delle eventuali dichiarazioni di Powell riguardanti l’andamento del mercato del lavoro. Le nuove stime potrebbero mostrare dati sull’occupazione in miglioramento dopo i risultati già pubblicati ad agosto.
Con tutta probabilità nella riunione Fed di oggi il FOMC lascerà invariata la sua politica monetaria cosa che potrebbe finire per deludere i mercati durante la conferenza stampa.
I funzionari della banca centrale hanno già chiarito che al momento non vi è necessità di ulteriori stimoli e che il recupero economico è sulla buona strada. Il vicepresidente Richard Clarida ha confermato che né i tassi di interesse negativi né il controllo della curva dei rendimenti sono arrivati sul tavolo delle discussioni.
Certo è che se la Fed stimerà una disoccupazione ancor più contenuta questo potrebbe scatenare le speculazioni su un aumento dei tassi di interesse prima o poi. Per gli analisti, comunque, la cosa potrebbe avere un impatto soltanto limitato sui mercati, concentrati sul breve termine e non sul “prima o poi”.
Sul fronte PIL, invece, non è chiaro come si muoverà la banca viste le incertezze legate alla diffusione del coronavirus in tutti gli Stati.
In linea di massima, comunque, la politica monetaria rimarrà invariata e l’attenzione si concentrerà soprattutto sulle nuove proiezioni economiche.
Come di consueto, le decisioni prese in sede di riunione Fed verranno comunicate alle ore 20:00 italiane di oggi, mercoledì 16 settembre, e verranno commentate da Jerome Powell nella conferenza stampa delle 20:30.


Source link